Meglio un estrattore di succo manuale o automatico? Differenze, pro e contro, dettagli

Alcuni tra gli elettrodomestici più interessanti oggi particolarmente in voga sono gli estrattori di succo. Questi strumenti sono conosciuti per via delle loro qualità particolari. Sono in grado di preparare degli ottimi estratti di succo di frutta e verdura in poco tempo, preservando al meglio tutte le loro vitamine e le loro proprietà nutrizionali. Queste proprietà spesso vengono perse se viene usato uno strumento differente, come ad esempio un tradizionale frullatore oppure un classico spremiagrumi.

Oggi sul mercato si possono trovare diverse tipologie di estrattori di succo. In linea di massima, una delle distinzioni più diffuse ha a che vedere con la struttura di questi apparecchi. Da una parte troviamo gli estrattori di succo con struttura verticale, dall’altra invece quelli con struttura manuale.

La differenza di struttura da un modello all’altro dipende in buona sostanza dalla tipologia e dal posizionamento della coclea, che può essere per l’appunto verticale o orizzontale. Tuttavia, c’è un altro aspetto che può incidere sul tipo di dispositivo che abbiamo di fronte, vale a dire il suo funzionamento, che può essere manuale oppure automatico.

Estrattori di succo: funzionamento

Sono dei dispositivi che possono avere forme e strutture differenti. Inoltre, possono avere in dotazione delle funzioni differenti ed essere più o meno accessoriati. In base ai diversi aspetti che devono essere presi in considerazione, questi prodotti possono avere anche prezzi differenti, ovvero appartenere ad una fascia di prezzo bassa oppure ad una fascia più elevata. L’aspetto più interessante di questi elettrodomestici per la casa ha a che vedere con il loro funzionamento.

In linea di massima, il funzionamento di un estrattore di succo è uguale per tutte le sue tipologie. Tuttavia, ci possono essere alcune differenze nel caso in cui il funzionamento di questo dispositivo sia manuale oppure automatico, vale a dire elettrico. I modelli automatici possono essere collegati direttamente ad una presa di corrente elettrica e sono muniti di pochi tasti che permettono di avviare il dispositivo.

Al contrario, i modelli con funzionamento automatico spesso dispongono di una pratica manovella che può essere utilizzata per estrarre il succo dalla frutta e dalla verdura che viene inserita all’interno dell’apparecchio.

Estrattori con funzionamento manuale e automatico

I modelli manuali di estrattori che vantano di solito delle buone capacità di utilizzo permettono di regolare la velocità, la pressione e la forza, un aspetto che invece è più difficile da monitorare se si utilizza uno strumento con funzionamento automatico. Gli estrattori di succo manuali sono dei dispositivi con cui è possibile realizzare degli ottimi estratti di succo, molto delicati nel sapore, ma allo stesso tempo ricchi di vitamine e sostanze nutritive.

È anche vero tuttavia che talvolta la potenza di estrazione del succo e di rotazione potrebbe essere eccessiva e andare a compromettere i risultati di estrazione del succo che si ottengono con l’uso di questo piccolo elettrodomestico. Se si utilizzano ad esempio degli ingredienti delicati come quelli a foglia verde, sicuramente è da preferire l’uso di un estrattore di succo con funzionamento manuale rispetto ad uno elettrico. Questo modello di estrattore è disponibile in commercio in più tipologie. Si possono trovare ad esempio degli estrattori dei seguenti tipi:

  • estrattori manuali: sono degli estrattori che effettuano la spremitura tramite un’unica vite. Questa vita è posta in modo orizzontale rispetto alla tramoggia, da cui è possibile inserire verdure e frutta da premere;
  • estrattori di succo manuali a ventosa: sono degli estrattori realizzati spesso in plastica e adatti per l’estrazione di succhi di diverse tipologie di erbe. Il suo utilizzo è ottimo per la spremitura delle verdure a foglia, oltre che per la frutta morbida a pezzi;
  • estrattore manuale senza filtri: è un modello di estrattore ideale per evitare la dispersione delle fibre vegetali dei succhi d’erba. È un dispositivo abbastanza semplice da utilizzare e facile da pulire;
  • estrattori con funzionamento automatico: sono dotati di un cavo elettrico da collegare per l’appunto ad una presa di corrente elettrica. Spesso dispongono di più funzioni rispetto ai modelli manuali e sono anche più semplici da utilizzare. Possono essere utilizzati per la preparazione di diversi succhi, da quelli più semplici a quelli più complessi che richiedono l’uso di diverse tipologie di frutta e verdura.

Pro e contro delle due tipologie

Ognuno dei due tipi di estrattori ha sicuramente dei vantaggi e degli svantaggi di utilizzo. L’estrattore manuale ad esempio permette una migliore regolazione della velocità, della pressione e della forza. È un aspetto che invece non può essere controllato con l’uso di un modello di estrattore automatico. Quest’ultimo tuttavia è maggiormente versatile e ricco di funzioni, oltre che più accessoriato.

Inoltre, è più comodo da utilizzare, anche se talvolta ha un prezzo decisamente maggiore rispetto agli estrattori manuali. Per fare una buona scelta di acquisto devi valutare quindi questi vantaggi e svantaggi di utilizzo. Solo in questo modo puoi capire quale modello specifico potrebbe essere quello più idoneo per te.

Fin da piccolo la scrittura è stata per me un rifugio e una passione. Adesso è diventata il mio lavoro. Sempre attento a quello che scrivo e a come lo scrivo, ho avuto la possibilità di crescere professionalmente nel mondo delle parole. Mi piace soprattutto recensire prodotti di uso comune e rendere accessibili i miei contenuti a tutti gli utenti.

Back to top
menu
Migliori Estrattori di Succo