Perché l’estrattore di succo è meglio della centrifuga? Approfondimento, consigli e dettagli

Gli estrattori di succo rappresentano l’ultima tendenza tra molti consumatori. Sono molte le persone che oggi anziché acquistare i classici succhi di frutta confezionati preferiscono preparare queste bevande in modo del tutto autonomo, scegliendo in prima persona la natura prima e risparmiando anche sulla spesa.

I due strumenti più diffusi per produrre succhi di frutta e verdura in casa sono l’estrattore di frutta di succo e la centrifuga. Si tratta di due elettrodomestici dalla struttura abbastanza simile. In realtà, sono dotati di un funzionamento molto diverso e vanno a soddisfare esigenze di uso differenti. Vediamo allora quali sono i principali aspetti da valutare per fare una buona scelta tra la centrifuga e l’estrattore. Devi sapere che l’estrattore è migliore rispetto alla centrifuga per diverse ragioni che andremo ad analizzare qui di seguito.

Perché l’estrattore è migliore della centrifuga?

Sono molte le persone che oggi prediligono l’utilizzo di un buon estrattore di succo di frutta e verdura rispetto all’uso di una classica centrifuga. I vantaggi offerti da questo prodotto sono infatti notevoli sia dal punto di vista del funzionamento sia della praticità di utilizzo e dell’ergonomia.

Inoltre, producono meno rumore rispetto alle centrifughe e sono in grado di realizzare dei succhi di frutta più freschi, leggeri e liquidi, dato che vanno a scartare la maggior parte dei residui e della polpa che derivano dalla spremitura della frutta e della verdura. Infine, sono anche più semplici da lavare. Ma andiamo con ordine, analizzando le differenze punto per punto.

I benefici della spremitura lenta

Una delle principali differenze tra l’estrattore di succo la classica centrifuga è legata in buona sostanza al loro funzionamento. La centrifuga è dotata al suo interno di un setaccio con delle lame che ruotano a velocità molto elevata, creando una forza centrifuga in grado di separare il succo dagli scarti. Di solito, si può selezionare la velocità con cui tritare gli alimenti che vengono inseriti all’interno della centrifuga. In questo modo si può scegliere anche la giusta consistenza, impostando anche un tempo specifico.

Al contrario, l’estrattore di succo ha un meccanismo che prevede una spremitura degli alimenti che avviene in modo più lento. Questo è possibile grazie alla presenza all’interno dell’estrattore di una grossa vite che prende il nome di coclea. Con l’estrattore, a differenza della centrifuga, non è possibile selezionare la velocità con cui l’apparecchio trita gli alimenti. Al contrario, l’unica opzione disponibile riguarda l’inversione del senso di rotazione.

La spremitura lenta dell’estrattore ha dei benefici rispetto a quella rapida della centrifuga. Infatti, evita la formazione di temperature molto elevate all’interno dell’estrattore, le quali spesso vanno ad intaccare le sostanze nutritive degli alimenti inseriti al suo interno.

Sono silenziosi

Un aspetto che riguarda la praticità di utilizzo di questi apparecchi ha a che fare con la rumorosità che producono mentre sono in funzione. La centrifuga è un apparecchio senza dubbio molto rumoroso, motivo per cui non è particolarmente adatto da utilizzare per chi ad esempio ha la necessità di preparare un succo al mattino presto mentre in casa ci sono altre persone che dormono.

Al contrario, l’estrattore, grazie anche al suo movimento lento, ha un funzionamento abbastanza silenzioso. Il suo uso è quindi adatto anche per la preparazione di succhi di frutta e verdura anche nelle prime ore della mattina, senza creare particolari disturbo. La sua rumorosità è pari a 55 decibel, al contrario della centrifuga che invece ha una rumorosità di 75 decibel.

Danno al succo una consistenza ottimale

Un aspetto che contraddistingue l’estrattore rispetto alla centrifuga riguarda la qualità e la consistenza dei succhi che produce. Di solito i succhi prodotti da un estrattore sono corposi e più densi rispetto al suo preparato da una centrifuga che invece appare più leggero da bere. Il succo che si ottiene con un estrattore appare inoltre più omogeneo, mentre il succo centrifugato è dotato spesso di uno strato più liquido e di uno più schiumoso, proprio per via delle temperature elevate che si raggiungono all’interno della centrifuga.

Conserva le proprietà nutrizionali

Un aspetto molto vantaggioso dei succhi estratti rispetto a quelli centrifugati è legato alla quantità e alla qualità dei nutrienti contenuti all’interno dei succhi prodotti da questi due apparecchi. La centrifuga per via della velocità molto elevata con cui lavora gli ingredienti spesso porta a distruggere le proprietà nutrizionali che vengono quindi perse prima ancora di bere il succo centrifugato.

Questo non accade invece con un estrattore, essendo un apparecchio che esegue un movimento decisamente più lento. Grazie alla coclea preserva al meglio tutte le proprietà nutrizionali degli ingredienti, così come le vitamine.

Occhio al prezzo

Nonostante tutti questi vantaggi degli estrattori rispetto alle centrifughe, sono dei prodotti spesso disponibili sul mercato a prezzi superiori rispetto a quelli delle centrifughe. In commercio si possono trovare modelli di estrattori con prezzi che vanno dai 100 ai 400€, mentre le centrifughe non hanno prezzi superiori ai 200€ circa.

Fin da piccolo la scrittura è stata per me un rifugio e una passione. Adesso è diventata il mio lavoro. Sempre attento a quello che scrivo e a come lo scrivo, ho avuto la possibilità di crescere professionalmente nel mondo delle parole. Mi piace soprattutto recensire prodotti di uso comune e rendere accessibili i miei contenuti a tutti gli utenti.

Back to top
menu
Migliori Estrattori di Succo