Estrattore di succo o frullato? Differenze, vantaggi e svantaggi

Siete indecisi se scegliere tra un estrattore di succo o un frullatore, perché avete letto da qualche parte che ci sono delle differenze tra i due. Ebbene sì: le differenze esistono e sono anche molto importanti, soprattutto se si parla di un elettrodomestico che deve essere scelto per iniziare un programma nutritivo che sia di supporto alla vostra salute e al vostro benessere fisico. In questa guida parleremo delle differenze, dei vantaggi e degli svantaggi degli estrattori di succo e dei frullati.

Estrattori di succo o frullato?

Per comprendere bene le differenze tra i due, dovete prima capire in che cosa consistono le operazioni meccaniche che consentono ad ognuno di questi due elettrodomestici di fornirmi un succo o un frullato di frutta e verdura.

La differenza principale tra i due, infatti, sta nel metodo di estrazione, che nel frullatore avviene per mezzo di lame ad alta velocità, che producono una bevanda densa. Nell’estrattore, invece, è presente una coclea, che pressa frutta e verdura a bassa velocità, permettendo di ottenere un succo liquido contenente un numero altamente maggiore di proprietà nutritive, quindi impedendo la loro distruzione, come avviene in un frullatore.

Estrattore di succo o frullato, quindi? Da quanto detto, ne risulta che, se volete ottenere una bevanda che possa dare benefici alla salute dei vostri organi, della pelle, delle unghie, dei capelli, degli occhi, dovete sicuramente scegliere un estrattore di succo.

Centrifughe, frullati, estratti, succhi e smoothies sono tutte bevande a base di frutta e verdura che apportano dei benefici e si assomigliano, per questo c’è molta confusione nella scelta. Ma in quanto a consistenza e proprietà nutritive differiscono molto, a causa dei modi e dei tempi di preparazione differenti. Proprio per questo, prima di acquistare un prodotto piuttosto che un altro, è bene che conosciate i risultati che andrete ad ottenere in base all’utilizzo di un estrattore piuttosto che di un frullatore.

Cos’è un frullatore

Il frullatore lo conoscete un po’ tutti ed è presente nella maggior parte delle case degli italiani, tanto che spinge molti di voi a pensare alla ragione per cui dovreste sostituirlo con un estrattore, che è poi il motivo per cui è stata realizzata questa guida.

Il funzionamento del frullatore si basa essenzialmente sulla sua velocità e sulla funzione delle sue lame rotanti, che permettono alla frutta e alla verdura di essere sminuzzate in tempi molto brevi, per ottenere una bevanda composta da polpa e succo (quindi senza alcuno scarto), molto omogenea e ricca di fibre, che indubbiamente vi aiuta per la regolarizzazione dell’intestino, per l’abbassamento del colesterolo e per l’espulsione delle tossine.

Con un frullatore potrete ottenere dei frullati di frutta o degli smoothies, grazie all’aggiunta di latte (per i vegetariani va bene anche qualsiasi tipo di latte vegetale), frutta congelata o ghiaccio. Tra l’altro, chi lo usa quasi quotidianamente, sa già che un frullatore torna molto utile per la preparazione di numerose altre ricette, come ad esempio le creme per le torte, dolci o salate che siano.

In commercio trovate diverse tipologie di frullatori, che sfruttano sempre il principio delle lame rotanti ad alta velocità, come i frullatori a immersione, i tritatutto o i più completi robot da cucina, che vi permettono di cambiare gli strumenti per le preparazioni ma tra i quali non c’è mai quello utilizzato da un estrattore di succo, ovvero la coclea.

Cos’è un estrattore

Se il principio di un frullatore è la velocità, quello dell’estrattore è l’esatto contrario, ovvero la lentezza. Rispetto a un frullatore, un estrattore di succo è meno potente, perché lavora con un numero molto minore di giri al minuto che, in alcuni casi, non supera i quaranta.

La bassa velocità, permette a un estrattore di non surriscaldare gli ingredienti e quindi di mantenere tutte le sostanze nutritive di frutta e verdura che, in un frullatore, vanno in gran parte perse sia a causa del metodo utilizzato e sia per il surriscaldamento prodotto dalla velocità delle sue lame.

L’estrattore, quindi, vi permette di ottenere dei succhi ricchi di vitamine, enzimi e sali minerali ma con un minor apporto di fibre rispetto a quelli prodotti da un frullatore, in quanto in questo viene sminuzzata anche la polpa, che è notoriamente la parte più ricca di fibra.

L’estrattore, infatti, pressa la frutta e la verdura per mezzo di una coclea e separa la buccia da tutto il resto, quindi gran parte delle fibre vanno a finire nel materiale di scarto. Tuttavia, la buccia eliminata nell’operazione, può essere poi riutilizzata per essere frullata oppure per realizzare impasti per dolci, sorbetti, gelati o anche delle barrette energetiche.

I succhi ottenuti con un estrattore, essendo poveri di fibre, sono più leggeri rispetto ad un frullato. Se avete dei problemi intestinali o delle difficoltà digestive che potrebbero essere compromessi ulteriormente dall’assunzione di fibre, un estrattore è sicuramente la scelta migliore per voi. È vero che sono meno sazianti rispetto a un frullato tradizionale, ma i benefici per la salute sono di gran lunga superiori.

Quindi, consumatene a volontà durante la vostra colazione o le merende e gli spuntini e, se non avete problemi correlati al loro consumo, come detto poco fa, integrate da altri alimenti l’assunzione delle fibre.

Estrattore di succo o frullato: quale scegliere

Come risulterà intuibile da quanto detto, se avete bisogno di integrare la fibra nella vostra alimentazione, potreste scegliere un frullatore. In questo caso, però, andreste a rinunciare a tutti i benefici offerti dall’estrazione del succo tramite estrattore, per cui potreste pensare di utilizzare quest’ultimo e poi integrare la fibra grazie al consumo di altri alimenti ricchi di essa, come alcuni tipi di pane, yogurt, latticini o degli integratori adatti.

Di contro, l’estrattore è sempre e comunque la soluzione più adatta a voi se avete bisogno di integrare vitamine e sali minerali ma avete difficoltà digestive o problemi intestinali.

Per chi non ha alcun tipo di problema, la scelta può essere fatta in base al gusto, considerando che, come abbiamo detto, un frullatore vi offre bevande più dense e a oltre anche più gustose, mentre con un estrattore otterrete un succo dalle proprietà altamente nutritive che gioveranno alla vostra salute, compresa quella dei capelli, delle unghie e degli occhi.

Vantaggi e svantaggi

Andiamo adesso a riassumere singolarmente i vantaggi e gli svantaggi di entrambi gli elettrodomestici, in modo che possiate scegliere quello più adatto alle vostre esigenze.

Vantaggi di un frullatore

  • I frullati contengono molta fibra. Questa, vi donerà un senso di sazietà e aiuterà la mobilità intestinale
  • Con un frullatore potete creare diverse bevande, aggiungendo anche latte, spezie, ghiaccio e frutta congelata, come ad esempio gli smoothies
  • Un frullato prodotto in casa è sicuramente qualitativamente migliore di quelli prodotti in commercio, in quanto in questi ultimi, a causa dei trattamenti e dei conservanti, vengono ridotti gli apporti di vitamine e la fibra è quasi totalmente assente
  • Oltre a diverse bevande, potete preparare anche delle creme di verdure o per dolci, in modo anche molto veloce
  • I frullati e i frappè sono di norma più graditi dai bambini, anche se beneficerebbero solo delle fibre e di poche altre sostanze nutritive

Gli svantaggi di un frullatore

  • Le lame del frullatore, mentre lavorano a gran velocità distruggono le vitamine e altri importanti nutrienti a causa del vortice di aria che generano
  • L’alta percentuale di fibre contenuta in un frullato, lo rende più difficile da digerire e può creare problemi a chi soffre di disturbi digestivi e intestinali
  • Proprio perché si crea dell’aria, il succo sarà sì corposo, ma anche ricco di schiuma superficiale

Vantaggi di un estrattore di succo

  • Gli estrattori lavorano a bassi giri, pressando la frutta e la verdura, e scartando la buccia grazie a una coclea. In questo modo, vengono limitati il calore e l’ossidazione degli alimenti
  • A differenza di un frullatore, un estrattore non scalda e non frantuma frutta e verdura
  • Nonostante la maggiore lentezza, il lavoro di un estrattore risulta abbastanza veloce, anche se non quasi immediato come quello di un frullatore.
  • La quantità di polpa e fibra di scarto è decisamente più bassa
  • Un estrattore è molto più facile da pulire rispetto a un frullatore
  • Potete unire nello stesso tempo frutta e verdura per creare abbinamenti che si adattano a vari tipi di gusti, in base ai diversi sapori di esse
  • Non viene incorporata aria e il succo ottenuto risulta più digeribile e omogeneo

Svantaggi dell’estrattore

  • Essendo sempre separata la polpa, anche la fibra viene eliminata. Come abbiamo visto, questo può essere un vantaggio o uno svantaggio, in base ad ogni singola esigenza
  • I succhi ottenuti con un estrattore non saziano e contengono un elevato valore di zuccheri

Come scegliere un frullatore o un estrattore

Adesso che conoscete le differenze tra frullatore ed estrattore, sarete in grado di scegliere qual è il prodotto più adatto alle vostre esigenze e ai vostri gusti. Per farlo, però, dovrete valutare alcuni parametri, che vi permetteranno di non acquistare un prodotto di scarsa qualità. Tra i migliori produttori trovate Philips, Kenwood, Moulinex, Panasonic e Severin.

Innanzitutto, qualunque sia la scelta, affidatevi sempre a produttori conosciuti che non solo vi assicurano la qualità degli elettrodomestici, ma che potete contattare facilmente in caso di cattivo funzionamento o di sostituzione dei pezzi. Alcuni produttori poco conosciuti offrono prodotti a prezzi più bassi ma non hanno un’assistenza a cui rivolgervi in caso abbiate dei problemi.

Per quanto riguarda il frullatore, dovrete concentrarvi soprattutto sulla sua potenza, visto che la velocità dei giri è il principio su cui lavora.

Diversamente, per un estrattore, sono i modelli con i giri più bassi a dover esser presi maggiormente in considerazione. Considerate che, i modelli più vecchi funzionano a 80 giri mentre i più nuovi hanno una velocità massima di 40 giri e sono i migliori attualmente sul mercato.

È sempre importante, poi, scegliere prodotti realizzati con materiali di alta qualità, come l’acciaio inox, e che siano bpa free, in modo da non alterare le sostanze nutritive degli alimenti e non causare danni alla salute, così come è stato dimostrato dalla ricerca scientifica.

Dove acquistarli

Ovviamente potete rivolgervi a qualsiasi rivenditore di elettrodomestici recandovi in negozio, oppure potrete guardare le proposte di numerose aziende e rivenditori online. Sul web, oltre ad avere una panoramica molto più ampia di prodotti da scegliere, rispetto a quella che offre un singolo negozio, spesso trovate anche delle occasioni e degli sconti riservati esclusivamente alla vendita online, che vi potrebbero fare risparmiare anche parecchio.

Se deciderete di acquistare online il vostro estrattore o il vostro frullatore, leggete sempre prima le schede tecniche, che sono sempre allegate ai prodotti, e le recensioni delle persone che lo hanno acquistato prima di voi. Solo in questo modo sarete veramente sicuri di acquistare un prodotto di qualità.

Comunque sia, anche se il esso non dovesse soddisfare le vostre aspettative, ormai le politiche di reso e rimborso sono talmente facili, che acquistare online è diventato molto più semplice che recarsi in negozio. In ogni caso, scegliere una marca conosciuta è una garanzia anche per affidarvi a un servizio di assistenza efficace qualora doveste riscontrare dei problemi o anche soltanto richiedere la sostituzione di un pezzo.

Sono autrice di saggi, romanzi e racconti. Sono per mia natura molto curiosa e questa caratteristica mi aiuta in quello che faccio principalmente per lavoro anche per passione: scrivere! Ho collaborato con numerose testate giornalistiche cartacee e televisive, conducendo anche diversi programmi di taglio culturale. Oggi, la mia attività si svolge principalmente sul web, e i miei interessi variano, sposandosi sempre con la mia naturale voglia di conoscenza e con la mia innata curiosità.

Back to top
menu
Migliori Estrattori di Succo